Fare il pieno di energia con The Pretender dei Foo Fighters

Titolo: The Pretender
Artista: Foo Fighters
Album: Echoes, Silence, Patience e Grace.
Anno pubblicazione: 2007

Nell’ultima puntata del nostro podcast, che potete riascoltare qui, è stata consigliato, per la nostra rubrica Vi suggerisco una canzone, il brano più conosciuto di una band capace di ritagliarsi il suo grande spazio nella scena rock moderna, ovvero The Pretender dei Foo Fighters.

Prima di entrare nel dettaglio del della canzone, possiamo affermare con certezza che chi non si scatena con questa canzone, riuscendo a rimanere impassibile durante tutta la canzone è un gran bugiardo! In più, come spesso accade nella nostra rubrica, questo vuole essere un suggerimento a scoprire tutta la band e le loro opere, piene di puro rock ma anche di testi emozionanti e ben scritti da Dave Grohl, cantante e leader della band, lui che era il batterista dei Nirvana.

Vincitrice del Grammy Award alla miglior interpretazione hard rock nel 2008, la canzone salta subito all’attenzione per il suo inizio (bugiardo) tranquillo per poi veder irrompere bruscamente batteria e chitarre a mettere le cose in chiaro. Il ritmo diventa così forsennato, non lascia respiro, tanto da far passare il testo in secondo piano, lasciandolo sospeso ma incuriosendoci per via di alcune frasi che non passano inosservate, mentre ci lasciamo trasportare in pieno da un qualcosa davvero di ben costruito. Il video stesso della canzone trasmette energia pura, capace di non fermarsi davanti a niente e di darci la forza di buttare giù qualunque cosa.

Con voce quasi rassegnata, Dave ci introduce al suo sentimento “Tieniti all’oscuro, sai che fingono tutti. Tieniti all’oscuro… e così è iniziato tutto”, e da qui parte lo sfogo accompagnato perfettamente dalla parte strumentale. Il ritornello non passa inosservato, capace di mettere in scena rabbia, voglia di dimostrare e di non arrendersi, voglia di vincere, e ciò può essere traslato a più situazioni, non per forza ad una amorosa: “E se dicessi che non sono come gli altri? E se dicessi che non sono solo un’altra delle tue commedie? Sei tu il bugiardo! E se dicessi che non mi arrenderò mai?”. Altra frase ad effetto nel testo è “La pagina è esaurita: non siamo permanenti, siamo temporanei… temporanei.. stessa vecchia storia”. Un rimando al voler vivere senza rimorsi, tutto e subito? La canzone però non nasconde come detto una vena di rivolta e non accettazione di una situazione, e così anche il testo esprime questa volontà: “Sono la voce nella tua testa che ti rifiuti di sentire. Sono la faccia che devi affrontare rispecchiando il tuo sguardo. Io sono ciò che resta; Io sono quello che è giusto; Io sono il nemico. Sono la mano che ti porterà giù e ti metterà in ginocchio. Quindi chi sei tu?” il tutto carica come nuovamente come una molla la canzone per la parte finale che lascia libero sfogo alle ultime energie che ci sono rimaste, portandoci così ad una totale estasi e voglia di spaccare il mondo una volta finito l’ascolto.

Vi lasciamo di seguito il video della canzone e il testo in lingua originale. Buon ascolto e buon divertimento!

Keep you in the dark
You know they all pretend
Keep you in the dark
And so it all beganSend in your skeletons
Sing as their bones go marching in again
They need you buried deep
The secrets that you keep are ever ready
Are you ready?
I’m finished making sense
Done pleading ignorance
That old defense
Spinning infinity, boy
The wheel is spinning me
It’s never-ending, never-ending
Same old storyWhat if I say I’m not like the others?
What if I say I’m not just another one of your plays?
You’re the pretender
What if I say I will never surrender?What if I say I’m not like the others?
What if I say I’m not just another one of your plays?
You’re the pretender
What if I say that I never surrender?In time, or so I’m told,
I’m just another soul for sale, oh well
The page is out of print
We are not permanent
We’re temporary, temporary
Same old storyWhat if I say I’m not like the others?
What if I say I’m not just another one of your plays?
You’re the pretender
What if I say I will never surrender?What if I say I’m not like the others?
What if I say I’m not just another one of your plays?
You’re the pretender
What if I say I will never surrender?I’m the voice inside your head you refuse to hear
I’m the face that you have to face mirrorin’ your stare
I’m what’s left; I’m what’s right; I’m the enemy
I’m the hand that’ll take you down and bring you to your kneesSo, who are you?
Yeah, who are you?
Yeah, who are you?
Yeah, who are you?Keep you in the dark
You know they all pretendWhat if I say I’m not like the others?
What if I say I’m not just another one of your plays?
You’re the pretender
What if I say I will never surrender?What if I say I’m not like the others?
What if I say I’m not just another one of your plays?
You’re the pretender
What if I say that I’ll never surrender?What if I say I’m not like the others?
(Keep you in the dark)
What if I say I’m not just another one of your plays?
(You know they all)
You’re the pretender
(Pretend)
What if I say I will never surrender?What if I say I’m not like the others?
(Keep you in the dark)
What if I say I’m not just another one of your plays?
(You know they all)
You’re the pretender
(Pretend)
What if I say I will never surrender?So, who are you?
Yeah, who are you?
Yeah, who are you?

Un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...