“E…” la ballad di Vasco, scritta da Pia Tuccitto

Artista: Vasco Rossi (Pia Tuccitto)

Anno di uscita: 2004

Album: Buoni o cattivi

Genere: Rock

Tra le canzoni d’amore più famose degli ultimi 20 anni in Italia, tante sono state firmate da Vasco Rossi (“Come vorrei”, “Accidenti come sei bella”, “Stammi vicino” o l’ultima hit “Una canzone d’amore buttata via”), ma non tutte quelle cantate dallo stesso rocker di Zocca sono figlie della sua penna e della sua scrittura unica e introspettiva. Questo è il caso di “E…” uno dei brani più amati del Blasco, facente parte dell’album Buoni o cattivi del 2004 (il brano uscì come quarto singolo nel 2005). Il brano seppur portato al successo da Vasco Rossi, vede un’altra firma: quella della rocker Pia Tuccitto.

Autrice per diversi Big della musica italiana (quali Patty Pravo e Irene Grandi), Pia Tuccitto è l’artista che ha messo al mondo diverse gemme musicali, tra le quali il brano “E…”, certo Vasco ha leggermente modificato il pezzo per farlo proprio, ma la bellezza del brano e il suo significato è rimasto. Una ballad che racconta l’amore con la A maiuscola “E, se hai bisogno/E non mi trovi/Cercami in un sogno” e che si conclude con con un’ammissione della fragilità all’interno di una relazione “Non sono fedele mai/Ora lo so. Un brano che in pochi minuti racconta quindi la nascita e la fine fisiologica, ma è una fine duratura o solo uno smarrimento nel percorso verso la felicità e l’amore?

La canzone rientra nella nostra rubrica del “Vi suggerisco una canzone”(qui per riascoltare il nostro podcast), perché è il classico esempio di come una canzone è bella, indipendentemente da chi la scrive o da chi la canta. Infatti, il brano è meraviglioso in entrambe le versioni che noi vi postiamo qui.

E, vuoi da bere
Vieni qui
Tu per me
Te lo dico sottovoce
Amo te
Come non ho fatto in fondo
Con nessuna
Resta qui un secondo

E, se hai bisogno
E non mi trovi
Cercami in un sogno
Amo te
Quella che non chiede mai
Non se la prende
Se poi non l’ascolto

E… uo… e…
Sei un piccolo fiore per me
E l’odore che hai
Mi ricorda qualcosa
Vabbé
Non sono fedele mai
Forse lo so

E, quando sento
Il tuo piacere che si muove lento
Ho un brivido
Tutte le volte che il tuo cuore
Batte con il mio
Poi nasce il sole

E… uo… e…
Ho un pensiero che parla di te
Tutto muore ma tu
Sei la cosa più cara che ho
E se mordo una fragola
Mordo anche te

Uo… e…
Sei un piccolo fiore per me
E l’odore che hai
Mi ricorda qualcosa
Vabbé
Non sono fedele mai
Ora lo so

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...